Una musica per gli occhi. Musica e paesaggio nella Germania tra Sette e Ottocento

Una musica per gli occhi. Musica e paesaggio nella Germania tra Sette e Ottocento

di Claudio Bolzan

 
Subito Disponibile
Prezzo solo online:

17,85

€ 21,00 -15%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritira

Descrizione

Nella Germania a cavallo del XVIII e XIX secolo la diffusione delle teorie del sublime e quella del giardino all’inglese, oltre ad una nuova sensibilità resa possibile dalla diffusione di svariate opere letterarie e filosofiche dovute ad alcuni nuovi movimenti, determinò un grande interesse per la natura e per il paesaggio, interesse che non mancò di influire in tutti i settori della produzione artistica: dalla poesia paesaggistica alla pittura di paesaggio, dal romanzo all’architettura e alla musica. L’attenzione prestata ai vari fenomeni naturali venne sempre più legata alla fruizione artistica, tanto che determinate forme di paesaggio non mancarono di suggerire parallelismi con le altre arti: le albe rugiadose, i crepuscoli, le varietà di fogliame delle foreste, le cascate e i corsi d’acqua vennero sempre più percepiti come forme artistiche della natura al punto da essere fruiti come pittura, come architettura e come musica, una “musica degli occhi”, come venne scritto nel romanzo Allwill di Jacobi, un’espressione poi ripresa in altre opere narrative di altri autori e nella stessa trattatistica pittorica, musicale, filosofica. Inoltre tali riflessioni suggerirono motivi di matrice spiritualistica, influendo in modo determinante anche sulla produzione musicale, specialmente quella liederistica, ove testo e musica risultano strettamente legati anche sulla base delle più svariate tematiche, con particolare riguardo per quelle paesaggistiche. Per questo divenne sempre più impellente il bisogno di unire tutte le arti (architettura compresa, dato che era vista come una “musica irrigidita”) allo scopo di realizzare concretamente ciò che appariva un’utopia: in questo contesto la fiaba fu uno dei primi esempi di questa concezione artistica totalizzante. In ambito musicale furono gli esponenti del primo romanticismo, Schubert, Felix e Fanny Mendelssohn, Schumann a realizzare nelle loro opere liederistiche una sintesi artistica nella quale la natura e il paesaggio diventava

Dopo aver letto il libro Una musica per gli occhi. Musica e paesaggio nella Germania tra Sette e Ottocento di Claudio Bolzan ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


Cardif
 
Dogalize
 
Dogalize
 

Top Claudio Bolzan

Visualizza tutti i prodotti