Disegni dalle collezioni pubbliche napoletane

Disegni dalle collezioni pubbliche napoletane

 
MOMENTANEAMENTE NON DISPONIBILE ONLINE

Descrizione

“I disegni … sono le prime idee d’un pittore, il primo fuoco della sua immaginazione, il suo stile, il suo spirito, la sua maniera di pensare: … Un pittore quando dipinge un quadro, si corregge, e reprime la foga del suo genio; facendo un disegno, getta il primo fuoco del suo pensiero, s’abbandona a se stesso, si mostra com’è ”. (J.A. Dezallier d’Argenville, Abrégé de la vie des plus fameux peintres, 1745) La sezione sui disegni inserita nella rassegna “Ritorno al Barocco” comprende alcuni preziosissimi studi provenienti dalle raccolte pubbliche napoletane e poi confluite nel gabinetto dei disegni di Capodimonte; a partire dal primo nucleo farnesiano, appartenuto ad Elisabetta Farnese, madre di Carlo III di Borbone la collezione si è arricchita nel tempo grazie alle acquisizioni da parte di Ferdinando I, rappresentando oggi una delle più ricche in Italia.

Dopo aver letto il libro Disegni dalle collezioni pubbliche napoletane di ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli

  • Editore:Arte'm
  • Data uscita:11/03/2010
  • Pagine:64
  • Formato:brossura, Illustrato
  • Lingua:Italiano
  • EAN:9788856900934




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


 
Cardif
 
Dogalize