Banditi e briganti. Rivolta continua dal Cinquecento all'Ottocento

Banditi e briganti. Rivolta continua dal Cinquecento all'Ottocento

di Enzo Ciconte

 
Disponibile in
5 giorni lavorativi
Prezzo solo online:

17,10

€ 18,00 -5%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritiraVerifica disponibilità in Negozio

Descrizione

“Banditi” erano detti tra ‘500 e ‘700 quelli che erano colpiti dal “bando”, cioè espulsi dalla comunità. Fra loro ci sono nobili, baroni, signorotti locali in lotta col potere regio, o giovani ribelli che di fronte a prepotenze, offese, ingiustizie si danno alla macchia. “Briganti” sono dette le masse contadine povere, analfabete che a ogni mutamento politico si muovono sperando di conquistare un pezzo di terra. Per tutto il periodo borbonico, dalla cacciata dei Francesi all’arrivo dei Piemontesi, “briganti” e contadini in lotta si alternano. È una storia fatta di atrocità, corpi squartati, teste mozzate esposte: una repressione cieca, crudele, selvaggia pensa di risolvere problemi sociali e politici ricorrendo alle armi, al carcere, alle fucilazioni sommarie. Si scontrano la mentalità dei militari che vanno per le spicce e non hanno riguardo per le leggi, e quella dei magistrati che reclamano il rispetto delle leggi anche per i briganti. Il nuovo Stato italiano è ambiguo, incapace di far fronte alle sfide. Ha un modo di procedere impregnato anche di disprezzo, dà una lettura venata di razzismo di quanto accade nel meridione. Il dato più inquietante è che il potere politico e statuale ha sempre utilizzato banditi e briganti come “instrumentum regni”. Sui briganti c’è un’enorme letteratura. Mancava un libro che raccontasse il filo che lega e separa banditi e briganti, mettesse in luce le varie componenti, smontasse falsi miti come quello che i mafiosi sarebbero eredi legittimi dei briganti e fosse illustrato con immagini prodotto dello sguardo con cui la nascente borghesia italiana ha osservato le plebi meridionali e della propaganda dei militari italiani sulla guerra e la distruzione dei briganti. Sfileranno le xilografie dei banditi dei secoli passati, le stampe e gli acquarelli dei briganti d’inizio Ottocento di Pinelli e altri autori europei impregnati di romanticismo, le prime foto dei briganti catturati o dei cadaveri di quelli uccisi dai militari italiani

Dopo aver letto il libro Banditi e briganti. Rivolta continua dal Cinquecento all'Ottocento di Enzo Ciconte ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Totale delle Recensioni

Media Recensioni (1)
4 Stelle
 
(0)
3 Stelle
 
(0)
2 Stelle
 
(0)
1 Stelle
 
(0)
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli

  • GenereGenerale
  • Listino:€ 18,00
  • Editore:Rubbettino
  • Collana:Varia
  • Data uscita:30/11/2011
  • Pagine:200
  • Formato:brossura
  • Lingua:Italiano
  • EAN:9788849831030




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


 
Cardif
 
Dogalize

Top Enzo Ciconte

Visualizza tutti i prodotti