Margherita vuole il regno

Margherita vuole il regno

di Franco Scaglia

 

Descrizione

Margherita di Savoia, la bella moglie di Re Umberto, si muove in uno scenario in cui la storia d'Italia di inizio secolo si intreccia con la ricostruzione fantastica e la leggenda.

Quarta di copertina

La storia è un incubo dal quale cerco di svegliarmi." Chi parla è la protagonista, che replica all'amico poeta. E la storia è il fondale iperreale e fantastico di questo allegrissimo semiserio romanzo, dove si ipotizza che dietro l'attentato mortale a Re Umberto si celi una verità contorta e, per l'appunto, romanzesca. E la racconta in prima persona la Regina Margherita di Savoia confidando al devoto Giosuè Carducci una fiala intenzione e necessaria: liberarsi del re, inetto, incapace di governare, e guidare lei le sorti del regno, come già in Inghilterra sta facendo la vedova Vittoria. Il problema è trovare il sicario, la mano disposta a eseguire. Un incontro a casa dello scrittore Jules Verne, un viaggio avventuroso a Luxor d'Egitto, una conclusione possibile in una Napoli coloratissima e truci da costituiscono le quinte più rilevate di questo racconto che sembra accordare il burlesco della scapigliatura, tra Faldella e Dossi, alla bizzarria di Imbriani o al surreale di Campanile, un amalgama ben dosato che lascia trasparire, dietro il divertimento, il ritratto di un fine secolo assai goffo. Come il vate nazionale Carducci, che poco si lava e parla autocitandosi, e sono i versi più retorici. O come la Regina Vittoria, qui in veste non solo di sovrana: è lei e non il reverendo Carroll che ha scritto Alice. E compariranno anche l'infermiera Florence Nightingale e l'umbratile scrittore-pittore Aubrey Beardsley a svelare altre verità, come in tutte le parodie che si rispettino. Così Scaglia, tra leggenda e fantasia, ammiccando e giocando, ha scritto un romanzo irresistibile e unico: ha imbastito una storia di truculente nefandezze che hanno l'autenticità dei "si dice" popolari, come quei cartelloni illustrati, veri antesignani dei fumetti, che un tempo nelle fiere magnificavano prodigi di santi o misfatti d'assassini.

Dopo aver letto il libro Margherita vuole il regno di Franco Scaglia ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


Dogalize
 
Cardif
 
Dogalize
 

Top Franco Scaglia

Visualizza tutti i prodotti