Storia dell'Istria e della Dalmazia

Storia dell'Istria e della Dalmazia

di Paolo Scandaletti

 
Disponibile in
5 giorni lavorativi
Prezzo solo online:

11,90

€ 14,00 -15%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritiraVerifica disponibilità in Negozio

Descrizione

L’ingresso della Croazia in Europa e la Serbia che incalza riportano alla memoria dell’opinione pubblica la tragedia adriatica: quella dei 350 mila italiani che hanno dovuto abbandonare l’Istria e la Dalmazia – vissuto, averi, attività – sotto la minaccia terroristica dei partigiani di Tito. E i nostri libri di storia ancora zitti. Terre affacciate sull’Adriatico, legate da sempre alla sponda italiana. I Romani fondano Aquileia 181 anni prima di Cristo e da quel porto, protetto dalla laguna di Grado, partono per Costantinopoli e Alessandria d’Egitto. Irradiano le loro strade verso le Alpi e i Balcani, l’Istria e la Dalmazia; fondano città dall’impronta inconfondibile, come Pola Zara e Spalato – la patria di Diocleziano – Sebenico e Ragusa. Dopo Bisanzio e il sistema feudale di Carlo Magno, per otto secoli a partire dal Mille l’impronta sarà quella della Serenissima Repubblica di Venezia. Che non cercava conquiste territoriali, ma porti sicuri per la sua grande flotta diretta al Mediterraneo orientale: in cambio della protezione dai pirati e di sviluppo economico e culturale. Lasciando a vigilare i suoi nobilomini e il leone alato sulle porte e i palazzi delle città. Al breve intermezzo di Napoleone, segue la corretta amministrazione austriaca e la Grande Guerra, arriva il fascismo che vuole imporre con la forza la predominante italiana. Del 1943 la ritirata rabbiosa dei nazisti, alla cui violenza fa seguito quella dei miliziani di Tito, che continuano a identificare Istriani e Dalmati col regime di Mussolini. Deportazioni, annegamenti e foibe costringono i cittadini di lingua e cultura italiana ad abbandonare precipitosamente tutto. Due documenti terribili: il rapporto dell’ufficiale degli Alpini Mario Maffi sulle sei foibe da lui esplorate nel 1957, fin qui coperto dal segreto militare; e il manuale per la pulizia etnica ad uso delle brigate partigiane di Tito, redatto dal nobile bosniaco Vasa Cubrilovic, in seguito ministro a Belgrado.

Dopo aver letto il libro Storia dell'Istria e della Dalmazia di Paolo Scandaletti ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Totale delle Recensioni

Media Recensioni (2)
4 Stelle
 
(0)
3 Stelle
 
(0)
2 Stelle
 
(0)
1 Stelle
 
(0)
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli

  • GenereGenerale
  • Listino:€ 14,00
  • Editore:Biblioteca dell'Immagine
  • Data uscita:01/01/2016
  • Pagine:234
  • Formato:brossura, Illustrato
  • Lingua:Italiano
  • EAN:9788863911305




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


 
Cardif
 
Dogalize
 
Dogalize

Top Paolo Scandaletti

Visualizza tutti i prodotti