I carnefici italiani

I carnefici italiani

Scene dal genocidio degli ebrei, 1943-1945

di Simon Levis Sullam

 
Subito Disponibile
Prezzo solo online:

12,75

€ 15,00 -15%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritiraVerifica disponibilità in Negozio

Descrizione

La sera del 5 dicembre 1943, il giovane pianista Arturo Benedetti Michelangeli suona al Teatro La Fenice di Venezia. In quelle stesse ore, polizia, carabinieri e volontari del ricostituito Partito fascista (i carnefici italiani) compiono la prima, più grande retata di ebrei nella penisola dopo l'occupazione tedesca della città. Sulla base di elenchi della polizia e del censimento della popolazione di "razza ebraica" condotto a partire dal 1938, 150 uomini, donne, vecchi, bambini vengono stanati dalle loro case, tradotti alle locali carceri o in luoghi provvisori di prigionia. Nei giorni successivi i loro beni, minuziosamente descritti casa per casa, vengono sequestrati, gli appartamenti sigillati o destinati ad altri italiani. I prigionieri, di tutte le età, saranno poi trasferiti a Fossoli di Carpi, il principale campo di prigionia e di transito degli ebrei nella Repubblica sociale, gestito da forze italiane. Qui saranno detenuti in condizioni estremamente precarie e, successivamente, caricati su carri bestiame e vagoni piombati, dopo la consegna in mani tedesche, su cui verranno condotti alla morte nel campo di sterminio di Auschwitz. Gli ebrei superstiti, dei 276 deportati da Venezia tra il dicembre 1943 e il gennaio 1945, si conteranno sulle dita di una mano. Ma perché in Italia si tende ancora a rimuovere il ricordo di questa, come di analoghe storie? Perché raramente si ricorda che la maggior parte degli arresti di ebrei avvenuta nel 1943-45 è stata condotta da italiani?

Quarta di copertina

“In queste pagine vogliamo raccontare chi, in quali contesti, con quali motivazioni e in che modo partecipò nel nostro paese al genocidio degli ebrei. E vogliamo farlo mettendo in primo piano i carnefici, dopo che negli ultimi anni troppo spesso si è parlato soltanto dei salvatori, correndo così il rischio che sulla scena appaiano solo le vittime e i giusti e restino invece in modo crescente, se non definitivamente, nell’ombra i persecutori.

Dopo aver letto il libro I carnefici italiani di Simon Levis Sullam ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Totale delle Recensioni

Media Recensioni (2)
4 Stelle
 
(0)
3 Stelle
 
(0)
2 Stelle
 
(0)
1 Stelle
 
(0)
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Cosa ne pensa la Stampa

I carnefici? Fa male a dirsi, ma gran parte erano italiani.red., Pagine ebraiche

Dettagli

  • Listino:€ 15,00
  • Editore:Feltrinelli
  • Collana:Storie
  • Data uscita:14/01/2015
  • Pagine:160
  • Formato:brossura
  • Lingua:
  • EAN:9788807111334




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


 
Cardif
 
Dogalize
 

Top Simon Levis Sullam

Visualizza tutti i prodotti